Ex i Microfono a sicurezza intrinseca Chiamata di emergenza in ascensore R. STAHL

R. STAHL: SISTEMA DI CHIAMATA DI EMERGENZA PER ASCENSORE

IL MICROFONO CHE RENDE PIÙ SICURA LA VITA DELLE PERSONE

Il 1° gennaio 2021, con la norma EN 81/28 sono entrate in vigore nuove regole di sicurezza per i sistemi di chiamata di emergenza degli ascensori. Tali regole valgono anche per le aree esposte a rischio di esplosione. Dall'inizio dell'anno, gli ascensori e i montacarichi devono essere dotati di un sistema di comunicazione a due vie, per garantire il collegamento telefonico con una centrale di emergenza sorvegliata 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.

Cosa significa concretamente questa novità per i gestori di impianti di ascensori? Come è possibile utilizzare o integrare i sistemi di chiamata di emergenza per ascensori anche nelle aree esposte a rischio di esplosione?Gli esperti della protezione antideflagrante di R. STAHL e NetCom, produttore leader del mercato e integratore di sistemi nel settore dei gestionali per centrali di controllo e sicurezza, hanno lavorato insieme, per dare una risposta a questa domanda.

L'obiettivo era quello di sviluppare un sistema di chiamata di emergenza basato su IP, omologato secondo la direttiva ATEX, e utilizzabile nelle aree pericolose delle zone 1/21 e 2/22. La situazione richiedeva una soluzione speciale. Alla ricerca del giusto partner, NetCom si era rivolto a R. STAHL, azienda rinomata per la sua vastissima conoscenza teorica ed esperienza pratica nel settore delle aree esposte a rischio di esplosione.Dall'incontro è risultato che i dispositivi di trasmissione prodotti da NetCom sono stati combinati con i comprovati componenti di R. STAHL.

Ma la vera è propria sfida è stata la realizzazione del microfono del sistema che consente di disporre di un collegamento vocale diretto con una centrale di controllo costantemente sorvegliata. E fu proprio a questo punto che prese il via la storia di successo del progetto comune di NetCom e R. STAHL, la quale finì con le due aziende che svilupparono insieme il nuovo sistema di chiamata di emergenza NetCom LIFT IPex. Questo sistema innovativo include lo speciale microfono a sicurezza intrinseca, che garantisce il massimo di sicurezza nelle aree a rischio di esplosione.

Qui qualcuno vi ascolta, potete esserne sicuri!

Nelle aree industriali, spesso la qualità dell'aria lascia a desiderare, le temperature sono elevate e il livello acustico del rumore è alto a causa degli impianti e dei sistemi di macchine. Occorre quindi garantire che una chiamata di emergenza venga "sentita e compresa" anche negli ambienti critici. Un microfono della migliore qualità, che consenta di collegarsi con una centrale di emergenza, ricopre in questo ambito un ruolo di enorme importanza. Quando ci si trova in una situazione di pericolo, non c'è niente di peggio e più pauroso di una centrale di controllo che risponde, ma che non riesce a sentire.

La cooperazione tra NetCom e R. STAHL puntava esattamente a ottenere questo risultato: un microfono Ex i prodotto da R. STAHL, che fosse un componente elettrico semplice e compatto, impiegabile nelle zone 1, 2, 21, 22. Il microfono recepisce ottimamente le onde sonore e funziona tramite una barriera a sicurezza intrinseca. La barriera di sicurezza è contenuta in una custodia Ex d che, a sua volta, è montata all'interno di una custodia Ex e. Lì si trova anche il pulsante di chiamata di emergenza.

Ex i Microfono a sicurezza intrinseca Chiamata di emergenza in ascensore R. STAHL

Il passaggio alla generazione successiva: anche nelle aree pericolose

In qualità di specialista nella costruzione di dispositivi di comunicazione, NetCom offre varie alternative di canali di trasmissione. Ciò consente di combinare tra loro Ethernet, sistemi di telefonia mobile (LTE/LTE-M/5G), sistemi di telefonia fissa (SHDSL), ADSL/VDSL e conduttori in fibra ottica (LWL) e di adattarli alle esigenze specifiche del cliente. È possibile ideare soluzioni single path o dual path in diverse varianti e con differenti canali di trasmissione.

Per l'industria, ciò vuol dire che è possibile modernizzare gli impianti esistenti senza dover ricorrere a complesse ristrutturazioni; ad esempio, una rete in rame può essere trasformata senza problemi in un sistema digitale di trasmissione dati. Il risparmio di tempo e costi può essere dunque enorme. Inoltre, le attività industriali possono avvalersi dei vantaggi dell'ampliamento in scala, dato che anche i nuovi impianti possono essere integrati nel sistema NetCom.

Il principio su cui si basa NetCom LIFT IPex è rappresentato dai dispositivi di trasmissione IP della Next Generation Network (NGN), idonei per le aree esposte a rischio di esplosione. Il sistema viene collegato, ai sensi della norma DIN EN 50136, a una centralina di ricezione allarmi NetCom certificata in conformità alla norma DIN EN 50518. La sicurezza delle informazioni (codifica) viene garantita dal protocollo VDS SecurIp utilizzato.

La tecnologia IP è un'ottima spalla per la sicurezza

La tecnologia IP utilizzata ricopre una funzione chiave nel sistema. Gli impianti analogici di chiamata di emergenza degli ascensori vengono spesso identificati come malfunzionanti, se non parte una richiamata di routine dalla cabina dell'ascensore alla centrale di controllo entro 72 ore. Solo successivamente vengono prese delle misure. Questa procedura può causare situazioni pericolose, se non addirittura mortali, per le persone rimaste chiuse in ascensore.

La tecnologia IP consente di monitorare costantemente i sistemi di chiamata di emergenza. Tutte le eventuali anomalie vengono registrate immediatamente. La centrale di ricezione degli allarmi acquisisce direttamente i messaggi e può attivare subito le misure per l'eliminazione del guasto. In questo modo si evita che si verifichi un malfunzionamento dell'impianto rilevato in ritardo e solo a seguito di un controllo di routine della durata tipica di tre giorni.

Tutto ruota intorno al microfono

Al centro del progetto sviluppato in comune dai partner c'era il microfono a sicurezza intrinseca. Il microfono Electret (simple apparatus) è montato in una spia di segnalazione modificata di R. STAHL e vi viene inserito attraverso un foro dalla misura precisa. Successivamente il microfono viene racchiuso/sigillato con una speciale resina epossidica. Il microfono ha il modo di protezione a sicurezza intrinseca Ex i e funziona con una barriera di sicurezza a due canali a sicurezza intrinseca di R. STAHL. Il Control Panel, così come gli altoparlanti, il pulsante di chiamata di emergenza e il sistema di indicazione con pittogrammi sono elencati nel modo di protezione a sicurezza aumentata Ex e e/o nella protezione mediante custodia Ex t.

Il sistema di chiamata di emergenza per ascensori NetCom LIFT IPex dispone quindi dell'omologazione per le aree esposte a rischio di esplosione della zona 1 e 2 EPL Gb, così come delle zone 21 e 22 EPL Db. L'intero sistema è omologato ai sensi della Direttiva ATEX 2014/34/EU ed è conforme alla serie di norme DIN EN 81 in materia di sicurezza degli ascensori.

Ex i Microfono a sicurezza intrinseca Installazione R. STAHL

Collegamento fino all'area esposta a rischio di esplosione

Nell'area sicura del locale macchine dell'ascensore, il sistema è composto da uno speciale dispositivo di trasmissione sviluppato da NetCom. I componenti e i circuiti elettrici con protezione ex nell'area a rischio di esplosione, quali il Control Panel, l'unità di altoparlanti e il sistema informativo e di indicazione con pittogrammi vengono prodotti da R. STAHL.

Un sistema di sicurezza che prosegua senza interruzioni fino all'area esposta a rischio di esplosione richiede ulteriori misure. Combinando i modi di protezione Ex d (custodia a prova di esplosione), Ex e (sicurezza aumentata) e Ex i (sicurezza intrinseca) è stato possibile costruire un sistema di chiamata di emergenza con una protezione antideflagrante completa.

Il risultato: il massimo della sicurezza prima e durante l'emergenza

Come R. STAHL, anche NetCom punta tutto sulla massima affidabilità e sicurezza di persone e impianti. Quando una coppia di questo calibro porta a termine con successo un progetto comune, c'è da aspettarsi uno standard altissimo. Infatti, il sistema di chiamata di emergenza per ascensori IP con protezione antideflagrante NetCom LIFT IPex garantisce il massimo standard di sicurezza possibile anche nell'area esposta a rischio di esplosione.

Tutti i vantaggi sott'occhio:

  • Ottima comprensione unita al volume più alto possibile.
  • Massima sicurezza grazie al monitoraggio costante del collegamento con la centrale di ricezione allarmi.
  • I guasti vengono registrati immediatamente e vengono intraprese le misure correttive.
  • Monitoraggio costante degli impianti audio collegati e degli indicatori della chiamata di emergenza.
  • Monitoraggio contro la manipolazione non autorizzata del sistema completo.
  • Risparmio di tempo e costi grazie alla facilità di montaggio.
  • Certificato ai sensi delle norme DIN EN 50136 e DIN EN 50518.
  • Codifica sicura delle informazioni secondo il protocollo VDS SecurIP.
  • Omologato per le aree esposte a rischio di esplosione delle zone 1 e 2 EPL Gb, nonché delle zone 21 e 22 EPL Db.
  • Omologato ai sensi della Direttiva ATEX 2014/34/EU.

 

Inoltre, la tecnologia di chiamata di emergenza per ascensori basata su IP offre nuove possibilità:

  • la registrazione immediata dei guasti grazie al monitoraggio costante.
  • la conseguente messa in pratica preventiva di misure di eliminazione dei guasti.
  • la messa a disposizione dei dati operativi dell'impianto per aumentare la disponibilità dell'ascensore.

Noti fornitori di servizi industriali hanno già impiegato con successo la nuova tecnologia NetCom con il microfono di R. STAHL, che garantisce sempre un collegamento sicuro e, di conseguenza, può salvare vite.

Qui troverete ulteriori informazioni sul sistema di chiamata di emergenza per ascensori basato su IP di NetCom.